Casa FilmRecensioni di film TIFF 2021: "Dashcam" è un giro emozionante e caotico

TIFF 2021: "Dashcam" è un giro emozionante e caotico

Difficile da guardare, ma non puoi distogliere lo sguardo

by Kelly McNeely
826 visualizzazioni
Dashcam Rob Savage

Il regista Rob Savage sta diventando un nuovo maestro dell'horror. I suoi film plasmano la paura con una determinazione determinata; costruisce la tensione, la rilascia con una leggera risata e spinge su efficaci jump spavento che, anche quando previsto, sono sorprendentemente sferraglianti. Con il suo primo film, ospite, Savage ha creato un'impressionante festa dello spavento della vita sullo schermo che è stata filmata interamente su Zoom durante il grande blocco COVID-19 del 2020. Il suo seguito prodotto da Blumhouse, dash cam, trasmette il terrore in diretta dalle oscure foreste dell'Inghilterra. 

dash cam segue un caustico streamer online il cui comportamento anarchico innesca un incubo senza sosta. Nel film, una dashcam dj freestyle di nome Annie (interpretata da la musicista della vita reale Annie Hardy) lascia Los Angeles per cercare una pausa pandemica a Londra, schiantandosi nell'appartamento di un amico ed ex compagno di band, Stretch (Amar Chadha-Patel). L'atteggiamento antiliberale di Annie, che vomita vetriolo e brandisce il cappello MAGA, sfrega la ragazza di Stretch nel modo sbagliato (comprensibilmente), e il suo particolare tipo di caos le fa più male che bene. Prende un veicolo e vaga per le strade di Londra, e le viene offerto un mucchio di soldi per trasportare una donna di nome Angela. Lei è d'accordo, e così inizia il suo calvario. 

Annie è un personaggio curioso. È sia carismatica che odiosa, arguta e di mentalità chiusa. La performance di Hardy cammina sul filo del rasoio con un'energia spericolata; Annie (come personaggio) è – a volte – orrendamente antipatica. Ma c'è qualcosa in lei che non puoi smettere di guardare. 

Evidentemente, come spiegato in un'introduzione in anteprima di Savage, il film non aveva una sceneggiatura (nel senso stretto di dialogo scritto), quindi le linee di dialogo di Annie erano per lo più (se non del tutto) improvvisate. Mentre la stessa Hardy può avere alcune credenze marginali, l'Annie di dash cam è una versione esagerata di se stessa. Si lamenta che il COVID sia una truffa, entusiasma per "feminazis" e il movimento BLM e semina il caos in un negozio dopo che le è stato chiesto di indossare una maschera. È... un po' terribile. 

È una scelta interessante e audace, mettere il film nelle mani di un personaggio oggettivamente terribile. Aiuta che Annie sia piuttosto acuta e una musicista di talento con un'arte per il lirismo esplicito sul posto. Ne vediamo alcuni scorci nel film, ma è quando Hardy fa freestyle nei titoli di coda che la vediamo davvero nel suo elemento. È interessante notare che Band Car - lo spettacolo Annie dal suo veicolo - è in realtà un vero spettacolo su Happs con oltre 14k follower. Questo, infatti, è come Savage l'ha trovata. È stato attratto dal suo carisma unico e dal suo spirito spontaneo, e ha pensato che sarebbe stato geniale lanciare una versione di questo in uno scenario orribile. 

Quando si tratta di Annie come personaggio, è una versione iperbolica di un particolare insieme di convinzioni sociopolitiche e sicuramente causerà una certa divisione negli atteggiamenti nei confronti del film. Ma se c'è un genere che consente ai personaggi divisivi di prendere il comando, è l'horror.

dash cam probabilmente si vede meglio su uno schermo più piccolo, o almeno dalle poche righe posteriori di uno schermo grande. La macchina da presa è spesso traballante - molto traballante – e il terzo atto del film si trasforma in alcune delle riprese più frenetiche e irregolari che abbia mai visto. Nonostante il titolo, la fotocamera esce spesso dal cruscotto. Annie corre, striscia e si blocca con la fotocamera in mano, e può essere difficile capire cosa sta succedendo esattamente. 

Uno dei principali svantaggi è il fatto che gran parte del film è difficile da guardare, a causa delle riprese troppo traballanti. Se fosse rimasto fedele all'idea della dashcam... a Baldoria - sarebbe stato più facile da seguire, ma avrebbe anche perso gran parte della scintilla maniacale che alimenta il fuoco del film. 

Un elemento che ho apprezzato e che so frustrerà alcuni spettatori è che gli eventi sono piuttosto... indefiniti. Non sappiamo davvero cosa stia succedendo o perché. A difesa della trama sconcertante, consente molta flessibilità e aggiunge uno strano livello di realtà agli eventi. 

Se vieni catapultato in una situazione terrificante, quante sono le probabilità che ti imbatterai in una registrazione audio che dettaglia e spieghi tutti gli eventi a cui hai assistito. O che ti prendi del tempo per sfogliare un libro o un articolo appena scoperto, o per interrogare un testimone con una profonda conoscenza di ciò che sta accadendo. Non è probabile, è quello che sto dicendo. In un certo senso, è questa confusione e ambiguità che rende l'irrealtà più reale. 

Ci sono alcuni momenti eccellenti di scatti da dietro le spalle che sono davvero agghiaccianti ed eccellenti nel creare uno spavento efficace. Savage ama un bel salto spaventoso, ma l'enfasi è su buono qui. Sa quello che sta facendo e li fa bene.

Mentre ospite ha mostrato un'intimità casalinga, dash cam allunga un po' di più le gambe uscendo nel mondo ed esplorando più luoghi, ognuno più inquietante dell'altro. Con il supporto del produttore gigante del genere Jason Blum, Savage produce effetti più grandi e sanguinosi che sono ben lontani dall'umile ospite-era di blocco tariffa fai-da-te. Con questo è il primo di a affare a tre immagini con Blumhouse, sono curioso di vedere cosa se ne uscirà mentre il mondo si apre un po' di più. 

dash cam non piacerà a tutti. Nessun film lo fa. Ma l'atteggiamento di Savage nei confronti dell'horror è eccitante da guardare. Come dash cam prende velocità, vola completamente fuori dai binari e degenera in pura paura caotica. È un film più ambizioso con un protagonista che divide e un horror aperto, ed è destinato a far girare la testa. La domanda è, quante teste si allontaneranno.