Seguici sui social

True Crime

Orrore nella vita reale in Pennsylvania: il killer in costume "da urlo" colpisce a Lehighton

Pubblicato il

on

il vero crimine urla l'assassino

In un'eco terrificante degli agghiaccianti assassini raffigurati nel 'Grido' serie di film, una comunità della Pennsylvania è stata scossa da a raccapricciante omicidio. L'aggressore, che indossava la maschera e il mantello iconici del franchise, brandiva un coltello a lama fissa Reapr nero. Zak Russel Moyer, 30 anni, ha effettuato un attacco da incubo contro il suo vicino, Edward Whitehead Jr., nella piccola città di Lehighton, nella contea di Carbon. L'assalto di Moyer è stato particolarmente brutale, utilizzando non solo un coltello ma anche una piccola motosega, provocando infine la morte di Whitehead.

Zak Russel Moyer

Armato di una piccola motosega a batteria e di un coltello a lama fissa Reapr nero, Moyer si era inizialmente recato nella casa accanto di Whitehead. "allo scopo di spaventarlo". Tuttavia, la situazione si è aggravata fatalmente quando ha inflitto una coltellata alla testa di Whitehead. L'incidente ha richiesto una risposta immediata da parte delle forze dell'ordine locali, aiutate dalla Polizia di Stato della Pennsylvania, a seguito di una chiamata di soccorso su un'aggressione attiva in corso all'interno dell'isolato 200 di Carbon Street.

Le riprese di sorveglianza hanno catturato una figura maschile, successivamente identificata come Moyer, che emergeva dal retro della casa di Whitehead. L'abbigliamento della figura era notevolmente coerente con il "Grido" personaggio del film, aggiungendo uno strato surreale all'evento già cupo. Whitehead è stato rapidamente trasportato al St. Luke's Hospital-Carbon Campus ma è stato dichiarato morto, avendo riportato ferite multiple tra cui un significativo trauma cranico e tagli indicativi di una difesa disperata.

Luogo dell'attacco

In seguito, la polizia si è concentrata rapidamente su Moyer, trovato in una residenza vicina. La sua apprensione è seguita a bizzarre comunicazioni con la polizia, dove ha mosso accuse contro Whitehead. Precedenti dichiarazioni alla sorella avevano rivelato l'intenzione di Moyer di uccidere Whitehead, facendo luce su una malizia premeditata.

Mentre la comunità è alle prese con questo orrore nella vita reale, le autorità hanno messo al sicuro le armi e i... "Grido" costume, sottolineando l'agghiacciante premeditazione delle azioni di Moyer. Ora dovrà affrontare l'accusa di omicidio, con un'udienza preliminare fissata per determinare l'andamento del suo processo.

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Clicca per commentare

Devi essere loggato per pubblicare un commento Accedi

Lascia un Commento

Trailers

"The Jinx – Part Two" della HBO svela filmati inediti e approfondimenti sul caso Robert Durst [Trailer]

Pubblicato il

on

la sfortuna

HBO, in collaborazione con Max, ha appena rilasciato il trailer di “La Sfida – Seconda Parte,” segnando il ritorno dell'esplorazione della rete nella figura enigmatica e controversa di Robert Durst. Questa docuserie di sei episodi sarà presentata in anteprima il Domenica 21 aprile, alle 10:XNUMX ET/PT, promettendo di svelare nuove informazioni e materiali nascosti emersi negli otto anni successivi all'arresto di Durst.

The Jinx Parte Seconda – Trailer ufficiale

"The Jinx: la vita e la morte di Robert Durst", la serie originale diretta da Andrew Jarecki, ha affascinato il pubblico nel 2015 con la sua profonda immersione nella vita dell'erede immobiliare e nell'oscura nuvola di sospetti che lo circondava in relazione a diversi omicidi. La serie si è conclusa con una svolta drammatica degli eventi quando Durst è stato arrestato per l'omicidio di Susan Berman a Los Angeles, poche ore prima della trasmissione dell'episodio finale.

La prossima serie, “La Sfida – Seconda Parte,” mira ad approfondire le indagini e il processo che si sono svolti negli anni successivi all'arresto di Durst. Conterrà interviste mai viste prima con i soci di Durst, telefonate registrate e filmati di interrogatori, offrendo uno sguardo senza precedenti sul caso.

Charles Bagli, giornalista del New York Times, ha condiviso nel trailer, “Mentre 'The Jinx' andava in onda, Bob e io ci parlavamo dopo ogni episodio. Era molto nervoso e ho pensato tra me e me: "Scapperò". Questo sentimento è stato rispecchiato dal procuratore distrettuale John Lewin, che ha aggiunto: "Bob sarebbe fuggito dal paese, per non tornare mai più." Durst però non fuggì e il suo arresto segnò una svolta significativa nel caso.

La serie promette di mostrare la profondità delle aspettative di Durst in termini di lealtà da parte dei suoi amici mentre era dietro le sbarre, nonostante dovesse affrontare gravi accuse. Un frammento di una telefonata in cui Durst consiglia: "Ma non dirgli un cazzo," allude alle complesse relazioni e dinamiche in gioco.

Andrew Jarecki, riflettendo sulla natura dei presunti crimini di Durst, ha dichiarato: "Non puoi uccidere tre persone in 30 anni e poi farla franca nel vuoto." Questo commento suggerisce che la serie esplorerà non solo i crimini stessi ma la più ampia rete di influenza e complicità che potrebbe aver consentito le azioni di Durst.

I contributori alla serie includono una vasta gamma di figure coinvolte nel caso, come il vice procuratore distrettuale di Los Angeles Habib Balian, gli avvocati difensori Dick DeGuerin e David Chesnoff e giornalisti che hanno coperto ampiamente la storia. L'inclusione dei giudici Susan Criss e Mark Windham, nonché dei membri della giuria, degli amici e dei collaboratori sia di Durst che delle sue vittime, promette una prospettiva completa sul procedimento.

Lo stesso Robert Durst ha commentato l'attenzione che il caso e il documentario hanno raccolto, affermando di sì "Ottenere i suoi 15 minuti [di fama], ed è gigantesco."

“La Sfida – Seconda Parte” si prevede che offrirà un'interessante continuazione della storia di Robert Durst, rivelando nuovi aspetti dell'indagine e del processo mai visti prima. È una testimonianza del continuo intrigo e della complessità che circonda la vita di Durst e le battaglie legali che seguirono il suo arresto.

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Continua a leggere

Trailers

Hulu svela il trailer avvincente della serie True Crime “Under the Bridge”

Pubblicato il

on

Under the Bridge

Hulu ha appena pubblicato un avvincente trailer della sua ultima serie true crime, "Sotto il ponte," trascinando gli spettatori in una narrazione inquietante che promette di esplorare gli angoli oscuri di una tragedia della vita reale. La serie, che debutta su Aprile 17th con i primi due dei suoi otto episodi, è basato sul libro più venduto di questi ultimi anni Rebecca Godfrey, fornendo un resoconto dettagliato dell'omicidio della quattordicenne Reena Virk nel 1997 vicino a Victoria, nella Columbia Britannica.

Riley Keough (a sinistra) e Lily Gladstone in “Under the Bridge”. 

Con Riley Keough, Lily Gladstone e Vritika Gupta. "Sotto il ponte" fa rivivere l'agghiacciante storia di Virk, scomparso dopo aver partecipato a una festa con gli amici, per non tornare mai più a casa. Attraverso la lente investigativa dell'autrice Rebecca Godfrey, interpretata da Keough, e di un zelante agente di polizia locale interpretato da Gladstone, la serie approfondisce le vite nascoste delle giovani ragazze accusate dell'omicidio di Virk, scoprendo rivelazioni scioccanti sul vero autore dietro questo atto atroce. . Il trailer offre un primo sguardo alla tensione atmosferica della serie, mostrando le eccezionali performance del suo cast. Guarda il trailer qui sotto:

Under the Bridge Official Trailer

Rebecca Godfrey, scomparsa nell'ottobre 2022, è accreditata come produttrice esecutiva, avendo lavorato a stretto contatto con Shephard per oltre due anni per portare questa complessa storia in televisione. La loro collaborazione mirava a onorare la memoria di Virk gettando luce sulle circostanze che portarono alla sua morte prematura, offrendo informazioni sulle dinamiche sociali e personali in gioco.

"Sotto il ponte" sembra distinguersi come un'aggiunta avvincente al genere del vero crimine con questa storia avvincente. Mentre Hulu si prepara all'uscita della serie, il pubblico è invitato a prepararsi per un viaggio profondamente commovente e stimolante in uno dei crimini più famosi del Canada.

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Continua a leggere

Film

Netflix pubblicherà il documentario True-Crime dei fratelli Duplass "American Conspiracy: The Octopus Murders"

Pubblicato il

on

Il documentario sull'omicidio del polipo

Una strana organizzazione conosciuta come “The Octopus” sta ottenendo il Netflix trattamento del vero crimine. Il servizio di streaming ha ordinato il documentario chiamato Cospirazione americana: gli omicidi del polipo che esplora questo presunto conglomerato criminale reale.

I fratelli Jay (a sinistra) e Mark Duplass realizzano film insieme fin da quando erano bambini.

Ancora più interessante è questo Produzioni dei fratelli Duplas ed Cornici di polvere di stelle finanzierà il progetto. I fratelli Duplass sono formati da Mark e Jay e hanno prodotto film come Cattivo Milo (2013) Mandarino (2015) e, ovviamente, il favorito dell'horror di culto Strisciamento (2015). Crepe 2 (2017) è stato prodotto by Netflix ed casa blu.

Danny Casolaro
Il giornalista Danny Casolaro

Secondo Scadenza, Cospirazione americana: gli omicidi del polipo inizia con la scoperta di un giornalista morto, Danny Casolaro (nella foto sopra), per un apparente suicidio. Ma la sua famiglia non è convinta. Pensano che sia stato il risultato delle inchieste di Casolaro su un'organizzazione criminale segreta conosciuta come "La Piovra". Credeva che fossero dietro molteplici omicidi, furti di software di spionaggio ad alta tecnologia e scandali politici.

Entra il ricercatore Cristiano Hansen che è determinato ad andare a fondo nella morte di Casolaro e a smascherare “La Piovra” e le sue armi di vasta portata.

“Sei anni fa abbiamo lavorato fianco a fianco con i brillanti Way Brothers in Wild, Wild Country”, disse Mark Duplass. "Quando abbiamo scoperto la Cospirazione del Polpo, la prospettiva unica di Zach e Christian e la dedizione senza pari a questa storia, sapevamo che questo era il progetto che ci avrebbe riunito."

Via Maclain di Stardust Frames aggiunge, "Quando Zach e Christian ci hanno parlato per la prima volta di The Octopus Conspiracy, una storia su cui stavano indagando da anni, siamo rimasti affascinati dalle storie di software spia rubati, insabbiamenti del governo e dai paralleli con un giornalista morto in circostanze sospette mentre scavava questa storia. Con i nostri partner Netflix e Duplass Brothers Productions, non vediamo l’ora che il pubblico si immerga nel misterioso mondo di The Octopus”.

Questa sarà una serie in quattro parti programmata per andare in onda Febbraio 28.

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Ascolta il podcast "Eye On Horror"

Continua a leggere